Per lo sviluppo e la crescita di Roma e del Lazio
24 Febbraio 2023 @ 11:45

Strumenti Derivati

Una società aveva chiamato in mediazione un istituto di credito per l’esperimento di un tentativo in materia di contratti finanziari derivati.

La predetta società aveva stipulato due contratti di mutuo fondiario, finalizzati all’acquisto di due immobili strumentali. A tali contratti risultavano collegati due Interest Rate Swap (c.d. IRS), entrambi sussistenti nonostante l’estinzione anticipata di uno dei due contratti di mutuo.

Gli IRS consistono in strumenti finanziari in cui due controparti si scambiano pagamenti periodici di interessi, calcolati su una somma di denaro (detta capitale nozionale di riferimento), per un periodo di tempo predefinito pari alla durata del contratto. In questo strumento finanziario non si verifica uno scambio di capitali, ma solo di flussi corrispondenti al differenziale fra i due interessi (di solito uno fisso ed uno variabile).

Al rappresentante legale della società, inoltre, era stata fatta sottoscrivere dall’intermediario – ai sensi dell’art. 31, 2° co., reg. Consob, n. 11522/1998 – una dichiarazione unilaterale, mediante la quale aveva autocertificato di possedere una specifica competenza ed esperienza in materia di operazioni in strumenti finanziari nonché di essere un operatore qualificato.

La società chiedeva l’accertamento della nullità dei contratti di swap, stipulati in assenza di una giustificazione causale oppure, in via subordinata, l’annullamento degli stessi per vizi della volontà (errore essenziale e/o dolo determinante) da parte del legale rappresentante.

L’istituto di credito, dal canto suo, ribadiva la correttezza del proprio operato ed asseriva che la stipula degli IRS non era stata effettuata con finalità speculative bensì con l’esclusiva funzione di proteggere il cliente dall’oscillazione dei tassi di interesse sui mercati di riferimento.

Il mediatore, considerato l’elevato tecnicismo della questione, effettuava nella sessione iniziale un brainstorming con le parti ed i rispettivi legali, al fine di reperire il maggior numero possibile di informazioni.

Nelle sessioni riservate, invece, il mediatore cercava di individuare i reali interessi delle parti attraverso una serie di domande aperte, grazie alle quali apprendeva che la società aveva seri problemi di liquidità, dovuti a mancati pagamenti da parte di clienti istituzionali. Era emerso, inoltre, che la dichiarazione sopra indicata era stata rilasciata senza che sussistessero i presupposti previsti dalla normativa di settore, vanificando la funzione protettiva sottesa all’eliminazione delle asimmetrie informative sussistenti tra l’investitore e l’intermediario.

Dalla documentazione prodotta, infatti, risultava provato che il negozio di IRS era stato sottoscritto dalla società senza che la stessa venisse compiutamente informata del funzionamento del prodotto, circostanza aggravata dal fatto che alla medesima era stato proposto uno strumento finanziario che – per cultura e propensione al rischio – risultava completamente estraneo al proprio profilo.

Nella sessione finale, quindi, le parti giungevano alla redazione del seguente accordo transattivo:

  1. risoluzione per mutuo consenso del contratto IRS non collegato al contratto di mutuo fondiario, con accollo totale da parte dell’istituto di credito dei costi diretti (c.d. mark to market) e/o connessi all’estinzione del prodotto derivato;
  2. riconoscimento della piena validità dell’altro contratto IRS da parte della società, con contestuale pagamento delle due rate semestrali scadute.
Array
(
    [0] => Array
        (
            [elemento] => WP_Post Object
                (
                    [ID] => 2958
                    [post_author] => 2
                    [post_date] => 2023-12-15 08:35:30
                    [post_date_gmt] => 2023-12-15 08:35:30
                    [post_content] => 

Sabato 23 marzo alle ore 10:30, presso la Sala del Tempio di Vibia Sabina e Adriano della Camera di Commercio di Roma, si svolgerà la Premiazione della XXXI edizione del Concorso per i migliori olii di Roma e del Lazio “Premio Roma Evo”.


Sono chiusi i termini di adesione alla manifestazione.

Prorogati a domenica 21 gennaio 2024 i termini per aderire al Concorso Premio Roma Evo e al Concorso Ercole Olivario

Fino a domenica 21 gennaio 2024 sarà possibile aderire alla XXXI edizione del Concorso per i migliori olii di Roma e del Lazio “Premio Roma Evo”, selezione regionale per l’Ercole Olivario.

La Camera di Commercio di Roma, attraverso Sviluppo e Territorio, Azienda Speciale per lo sviluppo e la crescita di Roma e della regione Lazio, in collaborazione con l’Azienda Speciale Agro Camera ed in sinergia con la Regione Lazio, le Camere di Commercio della regione e le associazioni di categoria di settore, indice il Concorso per i migliori olii di Roma e del Lazio “Premio Roma Evo” trentunesima edizione per l’assegnazione dei premi per i migliori olii extravergine di oliva prodotti nella regione.

Il concorso selezionerà, inoltre, i partecipanti al premio nazionale “ERCOLE OLIVARIO”.

L’iniziativa si inserisce nel più ampio progetto di promozione della filiera agroalimentare, un asset strategico delle attività del sistema camerale regionale allo scopo di valorizzare il patrimonio agroalimentare di qualità del Lazio.

Gli obiettivi principali del Concorso sono:

  • valorizzare i migliori oli extravergine di oliva provenienti da zone con riconoscimento, nazionale e/o comunitario, a denominazione d’origine (DOP e IGP) o dai diversi ambiti del territorio di Roma e del Lazio per favorirne la conoscenza e rafforzarne la presenza nei mercati esteri, scegliendo ed indicando gli oli di qualità che possano al tempo stesso conseguire l'apprezzamento dei consumatori;
  • stimolare olivicoltori e frantoiani al miglioramento della qualità del prodotto ed alla sua diversificazione.

L’iscrizione può essere fatta, a partire dalla pubblicazione del presente regolamento fino al 17 gennaio 2024 (termini prorogati al 21 gennaio 2024) mediante una delle seguenti modalità:

Si prega di prendere visione del Regolamento.

Premio Roma Evo - Domanda DOP-IGP-EXTRA 2024.docx
Premio Roma Evo - Domanda DOP-IGP-EXTRA 2024.pdf

Scheda di partecipazione Carta degli OIi 2024.docx
Scheda di partecipazione Carta degli OIi 2024.pdf

Per maggiori informazioni scrivere a: sviluppo@sviluppoeterritorio.camcom.it

[post_title] => XXXI edizione del Concorso per i migliori olii di Roma e del Lazio “Premio Roma Evo” [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => closed [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => xxxi-edizione-del-concorso-per-i-migliori-olii-di-roma-e-del-lazio-premio-roma-evo [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2024-02-28 11:12:56 [post_modified_gmt] => 2024-02-28 11:12:56 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://sviluppoeterritorio.camcom.it/?post_type=concorsi-fiere&p=2958 [menu_order] => 0 [post_type] => concorsi-fiere [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) ) )

Primo piano

XXXI edizione del Concorso per i migliori olii di Roma e del Lazio “Premio Roma Evo”

Sabato 23 marzo alle ore 10:30, presso la Sala del Tempio di Vibia Sabina e Adriano della Camera di Commercio...

Ultimo aggiornamento: 24 Feb 2023

ESPRIMI UNA VALUTAZIONE SU QUESTA PAGINA

Aiutaci a migliorare il sito esprimendo una valutazione su quanto ti è stata utile questa pagina. Passa il mouse sulla sagoma del logo ed esprimi la tua valutazione. 1 "per nulla utile", 5 "molto utile".

Media valutazione / 5. Vote count:

© Sviluppo e Territorio Azienda Speciale

Skip to content